CIBARIE LEONARDESCHE ZERO TRE

 
CIBARIE LEONARDESCHE ZERO TRE
rassegna d’arte contemporanea internazionale
09/11/2019 - 20/11/2019

 

CIBARIE LEONERDESCHE ZERO TRE

rassegna d’arte contemporanea internazionale a cura di Beth Vermeer

inaugurazione sabato 9 novembre 2019 ore 17:00

 

Quella ospitata a Palazzo Stella è la quarta edizione di “Cibarie  Leonardesche”,  una notevole raccolta itinerante di lavori che sono il frutto artistico di un confronto con il Maestro di formazione universale, Leonardo da Vinci, a cinquecento anni dalla sua morte. Un gruppo di artisti, poeti, studiosi e musicisti di origine, generazione e formazione differenti si sono confrontati  con Leonardo come esempio d’eccellenza nell’unione tra arte e scienza adoperando l’una per  completare l’altra. La mostra di portata internazionale si evolve lungo il filo conduttore del rapporto di Leonardo con la natura, l’alimentazione e la cucina,  studiato, interpretato e trasformato nei modi più diversi da chi desiderava dare  un contributo intellettuale al progetto. 

 

Nel corso dei secoli si sono formate numerose teorie che riguardano la sua arte  culinaria, inizialmente combattuta e mal compresa, ma successivamente  elogiata per le suntuose coreografie di grande suggestione. Per ricordare  questo  lato  meno  conosciuto  di  Leonardo, Design  for  Everyday  Life,  che  si occupa della qualità della nostra vita quotidiana e di come nobilitare i mille  gesti che la rendono vivibile attraverso la cultura, contribuisce con uno  scenario artistico poetico dedicato ai costumi alimentari rinascimentali e alle loro  pratiche. Il progetto concepito da Beth Vermeer, parte dal collegamento tra  storia, teoria e pratica culinaria per andare oltre il concetto dell’alimentazione ai tempi di Leonardo. Il cibo, come rammenta Roland Barthes, non è solo una selezione di prodotti usati per gli studi di statistica e di nutrizione, ma anche e  soprattutto un sistema di comunicazione, un corpus di immagini, un protocollo di usanze, situazioni e comportamenti. 

 

“Cibarie Leonardesche Zero Tre” mette al centro il giovane Leonardo da Vinci e i suoi tentativi creativi di modificare i riti comportamentali delle persone a tavola,  il loro rapporto con il cibo a favore di una vita più salutare in armonia con la  natura. Allo stesso tempo, ripercorrendo i suoi anni fiorentini, scopriamo le sue qualità propositive e coraggiose per trovare lavoro, pur trattasi di cucina, un  lato sorprendente tra le sue numerose occupazioni ingegnose. Grazie ad un corpus di quaranta opere già formalmente molto diverse, la mostra  rappresenta  un rebus che offre variegati accessi senza mai perdere la trama principale: l’uomo e l’alimentazione, il cibo e la sua simbologia, dal punto di vista religioso, biologico, alimentare, botanico, artistico, antropologico, partendo dal Rinascimento e dalle lezioni sempre attuali di Leonardo, precursore di una dieta  semplice, naturale, salutare e in linea con i principi ecologici del presente. 

 

Dal suo debutto a Firenze, passando per Cassanoscienza 2019 e la recentissima  Rome Art Week, la mostra non rappresenta una replica, la copia di una mostra  che si ripete in vari luoghi, ma si avvale di un numero crescente di adesioni,  contestualizzando le opere realizzate a tema in modalità site-specific per offrire un valore aggiunto al suo prisma interpretativo attraverso la componente architettonica dei siti espositivi.

 

Partecipano alla nuova edizione artisti di origini, formazione e generazione  diverse come Carlo Accerboni Genova; Laura Accerboni Ginevra (Svizzera);  Stefania Alba Firenze; Silvia Bibbo Mar De Plata (Argentina); Salvio Capuano Napoli; Valter Luca De Bartolomeis Napoli; Uri De Beer Tel Aviv (Israele);  Maurizio Elettrico Napoli; Marilena Faraci Francoforte (Germania); Laura  Fonsa Viareggio/Sassari; Francesco Geronazzo Perth (Australia); Fabrizio Gori Firenze; Yana Karamandzhukova (Bulgaria); Andrea Mancini Firenze; Andreas Mares Linz (Austria); Françoise Morin Annecy (Francia); Enzo  Navarra Trieste; Silvia Noferi Firenze; Antonello Paladino Bologna; Gloria  Pastore Napoli; Mario Pepe Genova; Farzaneh Rostami Teheran (Iran); Claire  Jeanine Satin Dania Beach (Florida, USA); Roberto Tondi Lecce; Marisa  Tumicelli Verona e l’artista e artigiano d’eccellenza milanese Agostino  Faravelli con delle ricostruzioni della catapulta di Leonardo e dei dodecaedri  realizzati in legno. 

Si aggregano i poeti Milena Buzzoni Genova; Goffredo D’Aste Genova; Maurizio Fanni Trieste; Rosa Elisa Giangoia Genova; Martina Mey Chianciano  Terme; Egidio Morando Genova; Mario Pepe Genova; Laura Supino Ghiron Genova; Marisa Tumicelli Verona. 

 

Inoltre partecipano al progetto Enrico Giordano, Osservatorio Astronomico di  Genova; la performer Cri Eco Genova; i coreografi Michela Di Natale e  Vincenzo Abascià con le allieve del Liceo Coreutico Piero Gobetti Genova; il contralto Patrizia Battaglia, Teatro Carlo Felice Genova con l’Ensemble Simone  Molinaro (i tenori Salvatore Gaias e Claudio Isoardi e i baritoni Tiziano Tassi, Matteo Armanino, Marco Piretta Bassi diretti da Francesco Lambertini); il poeta Luca Valerio; Marina Di Fazio e Paolo Zebolino dell’Accademia degli Imperfetti.

La mostra è corredata di un programma ricercato di eventi collaterali come una cena à la Leonardo a base di ricette rinascimentali, uno spettacolo musicale letterario; un talk di astronomia con interventi di musica a cappella ai tempi di Leonardo; una coreografia di danza contemporanea e un Reading poetico a più  voci. Il programma dettagliato è scaricabile dai siti, da Facebook, Pinterest e Instagram.

Il progetto “Cibarie Leonardesche Zero Tre”, coordinato scientificamente da Design for Everyday Life e realizzato in collaborazione con SATURA, annovera tra le sue collaborazioni numerosi enti e istituti culturali: Associazione Culturale  Studio Ottone Rosai Firenze; Istituto Caselli De Sanctis e Realfabbrica di  Capodimonte Napoli; Museo di Leonardo Firenze; Accademia degli Imperfetti  Genova; Liceo Musicale e Coreutico Piero Gobetti Genova; Brunellesca You Art;  Associazione Culturale Il  Gatto Certosino Genova; Mini mu Trieste; Laboratorio  2RC Viareggio; Essse Caffè  Bologna.

 

Mostra aperta fino al 20 novembre 2019

 

 

Dal Martedì al Venerdì ore 9:30-13:00 / 15:00-19:00

Sabato ore 15:00-19:00

Piazza Stella 5/1 - 16123 Genova

tel. 010 2468284 / cell. 338 2916243  /  E-mail info@satura.it

Clicca su mi piace per rimanere aggiornato sui nostri eventi 

Hai anche Instagram? Inizia a seguire il nostro consiglio del gallerista